BRITish army

Dopo la disfatta di Caporetto l’impegno britannico sul fronte italiano crebbe esponenzialmente con il British Expeditionary Force (B.E.F.) che risultò in alcuni casi determinante; ricordiamo in particolare l’impiego delle artiglierie, delle squadriglie da caccia, degli ospedali militari oltre che delle stesse truppe di terra i cui oltre centomila soldati combatterono strenuamente sul fronte italiano. Furono necessari ben seicento convogli ferroviari per trasportare in Italia le truppe britanniche (inglesi e scozzesi in particolare). Superando i notevoli ostacoli dovuti alla scarsa diffusione della lingua inglese tra le truppe italiane, i soldati agli ordini di Lord Cavan rinforzarono con difese in profondità molti tratti del fronte. Molti britannici persero la vita in particolare sull’Altopiano di Asiago, sul Montello e lungo il fiume Piave. I cimiteri militari britannici della prima linea raccolgono da allora le loro spoglie perchè come dice l’epigrafe che si trova in ciascuno di loro: “Their names liveth anymore”. Su questo sito alla loro memoria vengono inoltre dedicate alcune pagine particolari ai cimiteri britannici dell'Altopiano di Asiago e al caposaldo scozzese del Monte Zovetto.

Nella galleria fotografica superiore potete osservare alcune immagini dei soldati britannici in Italia; da sinistra: truppe in sosta nella pianura veneta, reparti che attraversano il Piave, colonna nel centro di Padova, alcuni genieri riparano un ponte ferroviario sull’Astico vicino a Caltrano. Nella galleria qui sotto, invece: artiglieria in transito verso il Piave, alcuni soldati scavano trincee lungo la pedemontana asolana, rifornimento idrico a Pria dell’Acqua sull’Altopiano dei Sette Comuni.

Pezzo di artiglieria pesante britannico e serventi schierati sul fronte italiano

Pezzo di artiglieria pesante britannico e serventi schierati sul fronte italiano

Reparto Scozzese in sosta durante una marcia in direzione del Piave

Reparto Scozzese in sosta durante una marcia in direzione del Piave

Soldati italiani e britannici posano per una foto ricordo sull'affusto di un pezzo di artiglieria di grosso calibro

Soldati italiani e britannici posano per una foto ricordo sull'affusto di un pezzo di artiglieria di grosso calibro