CARABINIERI REALI

Anche durante la Grande Guerra alcuni dei compiti più delicati furono assegnati ai Carabinieri Reali. Polizia militare, controspionaggio, trasferimento dei prigionieri, portaordini e servizi di scorta ad alti ufficiali sono solo alcune delle attività particolari nelle quali l’Arma di distinse ancora una volta. Perchè anche allora i Carabinieri furono i primi a lanciarsi all’assalto insieme alla Fanteria e gli ultimi a ritirarsi nei frangenti più drammatici. Dal Podgora, al Piave, alla presa di Gorizia. O come durante l’occupazione di Udine da parte degli Austriaci il 28 ottobre del 1918 dopo l’offensiva di Caporetto: nella città apparentemente deserta il generale austriaco Von Berrer si imbatte in una pattuglia di Carabinieri che ancora non si erano ritirati e viene ucciso.

Sfilamento di un reparto di Carabinieri Reali

Sfilamento di un reparto di Carabinieri Reali

Colonna di prigionieri austriaci, con gli ufficiali in testa, scortata da Carabinieri a cavallo e ciclisti nella zona del Col di Lana

Colonna di prigionieri austriaci, con gli ufficiali in testa, scortata da Carabinieri a cavallo e ciclisti nella zona del Col di Lana

 

Colonna di prigionieri austriaci catturati sul Cauriol scortati dai Carabinieri 

Carabinieri Reali sorvegliano prigionieri austroungarici nella zona del Montello - Nervesa

Carabinieri Reali sorvegliano prigionieri austroungarici nella zona del Montello - Nervesa